Home
Benvenuti nella home page di Torino 2.0
Il dopo Fiat PDF Stampa E-mail
Scritto da Andrea Reali   
Lunedì 11 Giugno 2012 08:10

Questo interrogativo ha ispirato da almeno dieci anni ogni branca della scienza, dalla sociologia all'urbanistica, dalla cultura all'economia e finora era materia buona per fantasticare su scenari visionari tipici di chi non ha mai lavorato in vita sua e che qundi non ha mai conosciuto davvero la realtà. In troppi si sono affrettati ad immaginare un polo turistico e culturale per una Torino che abbracciasse una visione nuova, ove le città "minori" proprio in quanto tali potessero offrire servizi di qualità ed attrattive a misura d'uomo.

Mai nessuno ha creduto davvero che Torino, dopo le sventurate olimpiadi invernali del 2006 che hanno dato la stura alla voragine del debito che la Città ha iniziato a contrarre all'epoca del Toroc nei confronti della Banca Intesa Sanpaolo suo partner privilegiato, potesse divenire una città in grado di vivere di turismo, perchè in fondo la testa dei torinesi è quella che è dunque se non si parla di immobili, di azioni e di amicizie alimentate da interessi comuni, dopo le mummie del museo Egizio e la galleria di Diana alla reggia di Venaria, rimane ben poco di interessante su cui investire energie e chiacchiere da salotto.

Il totale disinteresse in una politica concreta dello sviluppo turistico di Torino è stato dimostrato dal fallimento dell'ultimo albergo 5 stelle lusso di proprietà di storici banditi dell'hotellerie finiti in galera per bancarotta fraudolenta e dopo il Turin Palace oggi anche il Golden Palace non esiste più. Le istituzioni, senza un soldo in cassa, se ne sono ben guardate dal tentare una iniziativa di salvataggio (magari acquistando la struttura) ed ecco fatto !

Tutto andrebbe bene se Torino non avesse una improcrastinabile necessità di pensare ad un suo futuro alternativo : Marchionne ce l'ha fatta ed ha chiuso la Fiat, Mirafiori sta gustando il bastone della CIG anche tra i 5000 colletti bianchi mentre un silenzio mortifico aleggia sulla città in attesa di un altro evento sponsorizzato da qualcuno, che difficilmente arriverà visto che i soldi sono finiti da un pezzo.

Maurizio Pagliassotti, giovane giornalista, ha pubblicato recentemente il libro "Chi comanda Torino" nel quale illustra come l'alternativa alla fabbrica siano il cemento ed il debito : incredibile ma vero, il Comune  di Torino (città più indebitata d'Italia) è primo azionista della Compagnia di San Paolo...proprio Intesa Sanpaolo è il maggior creditore del Comune stesso. Questo potente istituto finanziario alimenta con la sua compiacenza l'investimento su un debito che un giorno i nostri figli dovranno pagare; il territorio come ambiente di speculazione (perchè a Torino ci sono i due magazzini Ikea più grandi d'Italia?).

Mentre l'Italia affonda tra gli applausi, i banchieri e i massoni che lavoravano nella nostra città si sono trasferiti a Palazzo Chigi. Il nostro futuro ora è nascosto nelle tasche interne delle loro grisaglie.

Ultimo aggiornamento Lunedì 11 Giugno 2012 08:28
 
Politici seri ed economia reale PDF Stampa E-mail
Scritto da Andrea Reali   
Giovedì 31 Maggio 2012 09:50

Una vecchia volpe socialista degli anni ottanta ha recentemente scritto sulla sua bacheca di Facebook a proposito delle polemiche sull'opportunità della parata del 2 giugno che "un politico serio dovrebbe pensare a fare bene il suo lavoro anzichè fare l'arruffapopolo per coprire le sue mancanze tentando di recuperare i passi falsi".

Non so quanti italiani credano ancora che possano esistere politici seri e non so quanti italiani, sentendosi non rappresentati da un governo tecnico di salute pubblica, abbiano la fretta di partecipare all'elezione di un nuovo parlamento democraticamente eletto.

Certo è che i politici per quanto onesti e seri possano essere hanno totalmente perduto il senso delle realtà: migliaia di fabbriche ed attività economiche hanno chiuso grazie all'ingresso della Cina nel WTO consentendogli di invadere i nostri mercati come un'ondata di piena. Gli economisti italiani non tardarono a fornire il loro appoggio filosofico ed intellettuale a questa teoria raccontandoci la favoletta che la totale liberalizzazione degli scambi commerciali avrebbe portato a tutto il mondo molti più vantaggi che svantaggi. La speranza che i cinesi arricchitisi facessero la coda per comprare auto di lusso da corsa fabbricate nel modenese, vestiti di tutto punto con abiti firmati dai nostri bravi stilisti, si è spenta nel momento in cui si è capito che da noi i cinesi non avrebbero comprato nulla perchè si sarebbero prodotti tutto questo (imitandolo) a casa loro.

Come si può immaginare che i laboratori sulla società che infestano le agende culturali della provincia italiana possano essere utili a salvare il salvabile ? E' un continuo sbrodolarsi addosso di teorie inutili e dannose, quando non ingannevoli per tenere tranquille le famiglie che hanno perso ogni prospettiva di lasciare qualcosa di concreto ai loro figli.

E' tardi, è necessario passare dalle parole ai fatti : bisogna delegittimare questa classe politica ingorda e cialtrona, recuperare i loro codici fiscali, farsi restituire tutto quello che ci hanno rubato e trasmettere questi nominativi ai casellari giudiziari delle procure e scrivendo "indesiderabile" sulle loro carte d'identità, rendendoli automaticamente ineleggebili in qualunque carica pubblica.

Un nuovo Comitato di Liberazione Nazionale deve occuparsi di riscostruire questo nuovo dopoguerra, portando nelle aule del parlamento persone capaci e disponibili a sacrificarsi facendo politica per uno stipendio da impiegato. Solo così si ripuliranno le liste dei partiti da delinquenti, prostitute, lenoni e sottopancia delle lobby in cerca di occupazione.

 

Ultimo aggiornamento Giovedì 31 Maggio 2012 14:07
 
Il favoloso mondo del benessere PDF Stampa E-mail
Scritto da Andrea Reali   
Mercoledì 16 Maggio 2012 08:24

Chi segue i titoli dell'informazione economica dovrebbe farsi ogni mattina appena sveglio il segno della croce (per chi ci crede) o praticare ogni tipo di scongiuro (per chi non ci crede) se vuole coltivare la speranza di "arrivare al panettone".

Nel primo trimestre di quest'anno in Italia sono stati dichiarati 3001 fallimenti, ovvero in media 33 aziende ogni giorno hanno chiuso per sempre la loro attività, il Piemonte è al quinto posto dopo Lombardia, Lazio, Veneto e Campania e il ritmo è destinato a crescere ulteriormente.

Eppure nonostante ciò circolano a Torino autovetture come quella fotografata, talmente mastodontiche e lussuose da non riuscire a rimanere entro la larghezza delle strisce blu. A chi non verrebbe da domandarsi : chi può permettersi oggi di acquistare (e mantenere a suon di supertasse sui CV fiscali, benzina a 1,95/litro e polizze RC auto da paese sotto minaccia nucleare) vetture da scorta della Casa Bianca ?

Un tempo anche l'ultimo dirigente Fiat era considerato un signore fortunato, con Alfa 164 in uso a costo zero e magari Fiat Uno per la signora, casa in riviera e ampio bilocale in baita caratteristica; oggi anche queste figure di formichine risparmiose che grazie ai benefit aziendali sono riusciti a costruire qualcosa a beneficio dei loro figli, non esistono più.

Allora si sarebbe potuto pensare che il proprietario di questa vettura potesse essere un piccolo ma sveglio imprenditore della tecnologia, un genietto della finanza virtuale oppure fortunato possessore di pizzeria con coda sul marciapiede per mancanza di posti a sedere, ma oggi i ristoranti sono tutti vuoti, le code si vedono solo davanti ad un paio di gelaterie cittadine la domenica pomeriggio, la new economy ha già da un pezzo dimostrato di essere una disastrosa idea per arricchirsi senza far niente per il resto è cassa integrazione, sussidi di disoccupazione, smarrimento.

Si tratterà di soldi sporchi ? Di evasione fiscale o semplicemente di qualche coatto arrivista che salda due rate poi la società di leasing gli sequestra il mezzo e il Ricucci de noantri torna a viaggiare sul 16, circolare sinistra ?

La domanda é: la crisi è un'invenzione giornalistica oppure ci siamo persi qualcosa ? A voi la risposta.

 

 

Ultimo aggiornamento Mercoledì 16 Maggio 2012 08:54
 
Stato, mafia e diritti dell'uomo PDF Stampa E-mail
Scritto da Andrea Reali   
Mercoledì 09 Maggio 2012 08:08

I recenti fatti di cronaca ci portano ad una amara conclusione : lo stato italiano rimane impassibile di fronte a persone che hanno deciso di togliersi la vita perchè si ritenevano, a torto o a ragione, oppresse da un fisco da stato di polizia, mentre lo stesso Stato si preoccupa di salvare Bernardo Provenzano che aveva deciso di suicidarsi in carcere con ben altre motivazioni.

Lo stato di diritto viene calpestato tre volte : la prima perchè le agenzie di recupero crediti del fisco richiedono il pagamento immediato di somme gravate da tassi composti da usura, dovute da soggetti già sotterrati sotto una montagna di debiti che non hanno alcuna possibilità di riconoscere quanto gli viene contestato, la seconda perchè i grandi evasori continuano indisturbati la loro latitanza bevendo Cristal nelle loro case di Manhattan o a bordo di paradisi fiscali galleggianti nei porti di Antigua, la terza (la più grave) perchè è la prova che la vita di chi è responsabile di reati da film horror vale molto di più di quella di un onesto cittadino qualunque.

 

Ultimo aggiornamento Mercoledì 09 Maggio 2012 08:15
 
Crisi e rischio di emulazione PDF Stampa E-mail
Scritto da Andrea Reali   
Martedì 01 Maggio 2012 08:20

Un tempo c'era un morto ammazzato ogni giorno per questioni di soldi, oggi c'è un morto impiccato ogni giorno per la ragione opposta : sono finiti i soldi.

A chi non è capitato, anche in tempi di vacche grasse, di dover rinunciare a qualcosa per superare momenti difficili ? Purtroppo la situazione non aiuta a ragionare e la via più breve per certi soggetti meno preparati è di recarsi dal ferramenta per comprare una corda. Va tuttavia considerato che spesso non è la mancanza di pane e minestra a determinare le situazioni insostenibili di cui sopra, quanto la necessaria fine di uno stile di vita che già prima della crisi era del tutto fuori luogo, fatto di vizi, sfizi, auto, cellulari costosi e abiti firmati. Per molti il dover rinunciare a tutto questo rappresenta davvero "La fine".

Con rispetto per chi davvero si trova in estrema difficoltà (e sono in tanti e crescono ogni giorno), va segnalato che l'effetto domino va fermato cercando di riportare le persone a ragionare prima di compiere gesti scellerati, magari pensandoci un pò prima di arrivare sull'orlo del burrone, insultando il bene della vita che anche per un laico come me ha un valore incommensurabile.

Episodi come quello del valligiano bergamasco il quale, armato di fucile, ha tenuto sotto scacco numerose forze dell'ordine e mezzi di ogni genere a Romano di Lombardia devono essere scongiurati per evitare che lo spirito di emulazione suggerisca a persone non proprio in situazioni psicologiche regolari, di barricarsi negli uffici finanziari italiani con sotto l'ascella plichi di multe non pagate, contributi dimenticati e altre nequizie di cui oggi Equitalia sta reclamando senza pietà il saldo.

Certamente il governo italiano in questo momento non è proprio tenero con i suoi provvedimenti che stanno mettendo molte famiglie in difficoltà, ma non vorremmo che le campagne di disobbedienza fiscale messe in atto in questi giorni dal partito della vecchia antipolitica facessero anche lievitare i costi sociali, come muovere un elicottero delle teste di cuoio dei Carabinieri, salvo poi fare pagare il servizio pubblico a noi cittadini che le tasse le abbiamo sempre pagate.

Ultimo aggiornamento Martedì 01 Maggio 2012 08:26
 
«InizioPrec.12345678910Succ.Fine»

Pagina 10 di 29
 

Sondaggio

Torino risorgerebbe senza la Fiat ?
 

Chi è online

 12 visitatori online